SENTIERI  
IL SENTIERO DELLA VALLE

Parto a piedi da Osogna m 274s/m (lasciando l’auto al posteggio segnalato alla palestra) avventurandomi per la selvaggia e pittoresca valle omonima che mi riserva un grande dislivello e tante ore di cammino possibile. Dopo un avvio dolce sulla stradina asfaltata per Colarga (chiusa al traffico) imbocco il sentiero per la valle che con ampi tornanti, attraversando la pregevole piantagione (i cui lavori sono iniziati nel 1965) mi porta sul monte di Pönt (753 m). Da lì via, sentieri ben più impegnativi – che vi lascio scoprire- mi portano in alto. Segnalo la vista della maestosa parete di “Trenta sass” (un monito per i canyonisti alle prese lì sotto con il torrente Nala), il nuovo ponte in Géra, le stupende scalinate scavate nella roccia, il ponte di sasso con sotto le marmitte scavate dall’acqua. A furia di salire arrivo in Scign (1133 m) e lì la cappella del “Buon Riposo” mi marca l’entrata del lungo terrazzo intermedio della valle su cui sorgono una dopo l’altra una quarantina di cascine private. Io sono arrivata fin qui. L’escursionista, si spera munito di cartina, potrà scegliere il proprio itinerario e le mete non mancano: un percorso faticoso, impegnativo, ma di sicuro ne varrà la pena.








VIA STORICA D'IMPORTANZA NAZIONALE

Durante il 2015 si sono conclusi i lavori di consolidamento e valorizzazione del sentiero principale della valle di Osogna, da Pönt a Merisciöu, tratta iscritta come via storica di importanza nazionale. In questi ultimi tre anni si è lavorato per mettere in sicurezza il sentiero, consolidare le scalinate addossate alla montagna, risalenti al 1600 e che contano più di mille scalini, allargare alcuni tratti di sentiero.





DALL'ALTO UNA BELLA IMMAGINE SULLA RIVIERA



© Aron Ghiringhelli



MAPPA DEI SENTIERI DELLA RISERVA




  • La parte storica del sentiero principale che da Osogna raggiunge Scign (via storica d’importanza nazionale) è stata sistemata e valorizzata a dovere (2013/2014).


  • Il sentiero che dal Piano del Mottale porta al Motal e alle Ganelle é stato completamente risistemato nel corso del 2013. Tale sentiero permette poi di raggiungere la valle di Cresciano.


  • I Pontid –ardito passaggio su un dirupo di circa 300 m (tra Bass e Stabiéll)- sono stati rifatti a nuovo nel corso del 2013.



  • ©Thomas Hellweg


  • La “scala di Ténc” sita appena sotto all’alpe di Ténc é stata sistemata a nuovo nel corso degli anni 2013/2014.



  • Adesso è possibile raggiungere Casnéd partendo da Bass o viceversa su un sentiero che percorre tutta la sponda destra della valle di Osogna ad un’altezza di circa 1800 metri. Da Bass un sentiero impegnativo porta a Biasca. Da Casnéd invece si raggiunge la Mòta e di lì si può proseguire verso la capanna di Cava, verso Orz e la Calanca o verso Orz per ridiscendere sull’altro versante della valle ad Osogna.




  • Nel corso del 2015 alla Pira è stata posata la nuova passerella. La stessa è stata posata sfruttando le due vecchie testate su cui posavano le travature portanti di uno dei precedenti ponti in legno siti in zona.
    Patriziato di Osogna    |     6703 Osogna    |     +41 (0)91 863 13 04    |     info@patriziatodiosogna.ch